3 febbraio 2015

BookMission - Al teatro Libero di Milano con Silvana Fallisi

Cari lettori, Domenica 1 febbraio 2015, siamo state a Milano, al Teatro Libero per lo spettacolo "La morte balla sui tacchi a spillo" scritto da Michela Tilli e interpretato dalla meravigliosa Silvana Fallisi.

Una commedia divertente, ambientata nella Sicilia degli anni sessanta dove le tradizioni rincorrono la voglia di modernità, condizionandola giorno dopo giorno.
Silvana interpreta la maestra Donna Tanina, "femmina" irreprensibile, dai valori ferrei e devota alla sua fede.


Come sapete le Books Hunters si avventurano sempre a caccia di "cose belle" da proporvi, perché laddove è possibile, ci piace vedere di persona eventi e iniziative.
Anche questa volta siamo rimaste colpite e soddisfatte.
Tanto per cominciare noi che strappiamo sempre un sorriso a tutti, decidiamo che salire tre piani a piedi non fa bene, di più. Arriviamo in cima e ci troviamo il simpaticissimo direttore di sala che appena ci vede ci dice "Tanto si vede che avete il fiatone". Non finisce qui, perché entriamo in teatro e che facciamo?
Ci sediamo a casaccio senza fare caso che i posti sono numerati. Poco male, ci alziamo veloci veloci e rimediamo. Il direttore che ormai ha capito che siamo una specie furba di macchiette da salotto letterario, ci cerca con lo sguardo e quando ci trova, che fa? Ride e ci dice: "Volevate fare le furbe?" e noi: "Ma no", "Beh, ci abbiamo provato". Tutti ridono.
Va beh... "Guardate che bel palco".


Parliamo dello spettacolo:
"La morte balla sui tacchi a spillo" è una commedia divertente, esilarante. Un'ora e mezza di interpretazione non-stop, un monologo che lascia il segno. Silvana Fallisi interpreta il suo personaggio in maniera egregia, personalizzandolo con la propria ironia e comicità, il tutto unito a tempi comici impeccabili e alla cadenza dialettale siciliana.

Parte tutto da questa considerazione:
"Perché alla veglia funebre di Vituzza non viene nessuno?"
Donna Tanina cerca di impegnarsi a vegliare, sola, sul cadavere spampinato della povera Vita, meschina morta in sottana con la bocca spalancata, nella di lei casa dove i segni della promiscuità sono ovunque.
Nell'interpretazione interamente "in solitaria", la maestra Tanina ci racconta uno spaccato dell'Italia, dove le persone "di Chiesa" guardavano con sospetto le parate di uomini che sventolavano le bandiere rosse, mentre sfilavano per le strade. Ci racconta di personaggi resi talmente bene da essere realistici, come se fossero davvero accanto a lei. Ci racconta della celata e camuffata rivalità, tutta al femminile, tra lei e Vita, nel ruolo di maestre così come nella vita privata.
Spassosissimi i dialoghi con Salvatore, ossia Gesù crocifisso. Tanina pettegola con Lui, si confida, cerca di strappargli informazioni e, persino, lo sgrida in tono irriverente.
Donna temeraria, ha paura solo del peccato e dei surci, innamorata dei suoi scolari picciriddi (soprattutto di quelli ricchi).
Alla fine, capirà che "tocca fare tutto a lei".


Silvana oltre ad essere una straordinaria attrice, è anche una persona speciale. L'abbiamo incontrata dopo lo spettacolo, e subito ci ha riconosciute e accolte come care amiche. Una foto ricordo fatta dal direttore e un po' di chiacchiere con lei. Abbiamo conosciuto anche Michela Tilli e salutato Aldo.

Vi invitiamo ad andare a vedere "La morte balla sui tacchi a spillo" che sarà ancora in scena al teatro Libero di Milano fino a domenica 8 febbraio 2015 per poi spostarsi qui:

Ringraziamo per la squisita disponibilità Silvana, lo staff del teatro Libero e anche la "milanesa" che ci ha detto che avevamo sbagliato strada e dovevamo tornare indietro!

3 commenti:

  1. Grandissime ragazze! Siete una soddisfazione per il varesotto, portando avanti queste mission di cultura a 360. Non quella fatta a parole, non quella fatta sulla distruzione del lavoro altrui (come troppi "pseudo cultori" della nostra città) ma quella fatta con risultati veri. E lo dimostra la risposta e l'accoglienza che vi riservano anche artisti veri e ben avviati. Quindi, è solo un onore lavorare con voi. E spero che queste mie parole, vengano lette da chi non perde occasione per fare il gioco del silenzio e tacere, sull'operato altrui. Brave!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monia!!! Il tuo sostegno è prezioso!! :)

      Elimina
  2. Ecco il graditissimo SMS che ci ha inviato Silvana, dopo aver letto l'articolo:
    "Letto... ma siete di un simpatico esagerato. Sembrate tre fatine buone di una delle mie favole preferite... Bellissimo l'articolo e voi fate qualche cosa di grande! Vi seguirò sempre su questo blog. Informatemi!"
    Grazie Silvana!

    RispondiElimina